Epilessia

Epilessia 2017-08-09T16:04:12+00:00
FANEP Onlus

L’epilessia in cosa Consiste

Il termine deriva dal greco Epilambanein che significa “colto di sorpresa” e comprende diverse condizioni patologiche legate al sistema nervoso centrale che colpiscono il 2-3% della popolazione di età infantile. Il cervello è un sistema complesso composto da oltre mille miliardi di cellule: per questo motivo, i fattori che possono portare a un’alterazione delle cellule nervose cerebrali possono essere molteplici.

Le cause principali possono essere così riassunte:

• alterazioni protratte dell’apporto di ossigeno al cervello o ad una parte di esso, per cause congenite o acquisite;

• scompenso metabolico che alteri la trasmissione tra i neuroni, per cause genetiche o acquisite;

• malformazione o degenerazione delle cellule di tutto il cervello o di parte di esso.

Le Crisi Epilettiche: caratteristiche

Le scariche elettriche provocate da tali alterazioni sono meglio conosciute come crisi epilettiche.

A seconda della forma di epilessia, l’aspetto e l’andamento delle crisi può differire notevolmente. La Crisi di Grande Male è la più conosciuta anche se più frequenti sono le piccole crisi, di per sé poco evidenti, come ad esempio brevi sospensioni della coscienza (assenze) o sussulti repentini incontrollati di un braccio.

Le crisi epilettiche hanno diverse modalità di manifestazione a seconda della vastità dell’area del cervello interessata. Ci sono crisi semplici che non interrompono il contatto con l’ambiente, ma ci sono anche crisi molto più complesse.  In entrambe le situazioni, esse possono essere precedute da sensazioni che ne preannunciano l’arrivo.

La più grave, la Crisi di Grande Male, insorge bruscamente: a volte il soggetto urla, perde coscienza e si accascia a terra. In questa fase la muscolatura di tutto il corpo si irrigidisce, poi compaiono violente scosse convulsive localizzate agli arti e al capo. In alcuni casi può esserci il rischio di morsicatura della lingua, perdita di saliva, urine e a volte vomito.
Segue poi la fase di risoluzione della crisi, con il soggetto immerso in un sonno profondo e prolungato, con respiro russante e a volte coma.

È importante sapere che le caratteristiche delle crisi sono molto variabili e non tutti i sintomi possono presentarsi! Crisi meno gravi potranno esprimersi con la percezione di suoni, immagini o odori, irrigidimento o tremori di determinate parti del corpo e manifestazione di atti involontari.

Nel Reparto c’è assistenza continua, la presenza dei Volontari assicura un ulteriore controllo e vigilanza.

IL VOLONTARIO IN CASO DI CRISI EPILETTICA DEVE CHIAMARE IMMEDIATAMENTE IL PERSONALE SANITARIO:

è importante rimanere calmi, comunicando così al bambino che gli è vicino che ci si sta prendendo cura di lui.

(A cura dell’Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile presso la Clinica Pediatrica G. Gozzadini)

Volontari

Da Sempre Vicino a Bambini e Ragazzi in Difficoltà

Sempre Presenti

Se vuoi far parte di questo Straordinario Team – Diventa un Volontario

Progetti

Abbiamo Fatto Cose Bellissime

Concreti, Innovativi

Scoprili tutti nell’Area Dedicata ai Progetti

Ricerca Clinica

Oltre 100 Lavori Scientifici Pubblicati grazie a Fanep

Per Trovare una Cura

Per continuare a cercare risposte e soluzioni a tante Patologie

Donazioni

Per Aiutarci Puoi Fare una Donazione, Basta Poco

L'Unione fa La Forza

Abbiamo aiutato oltre 150.000 Bambini e Ragazzi…aiutaci
Altre Info

In oltre trent’anni di attività FANEP ha sostenuto le cure di 150.000 bambini e ragazzi; ha aiutato le loro famiglie; ha sostenuto con oltre 50 borse di studio e assegni di ricerca la formazione di altrettanti medici, psicologi e dietisti; ha formato oltre 1000 volontari.

La Onlus Fa.Ne.P. (Associazione Famiglie Neurologia Pediatrica) nasce nel 1983 dalla volontà di un gruppo di genitori di bambini affetti da malattie neuropsichiatriche e dei medici e paramedici del reparto di Neurologia Pediatrica dell’Istituto Gozzadini di Bologna.  Fin dagli esordi, gli impegni di FANEP non riguardano solo la raccolta fondi, il sostegno familiare e  la ricerca scientifica, ma anche la prevenzione e la diagnosi precoce nell’ambito dei disturbi alimentari dei minori e delle malattie neuropsichiatriche infantili. Sosteniamo le Famiglie, miglioriamo le Cure per i Bambini.

Aiutare Bambini e Ragazzi in Difficoltà, affetti da Patologie NeuroPsichiatriche o Disturbi del Comportamento Alimentare. Offrire Sostegno concreto tramite Eccellenze in campo Medico e Psicologico: Fanep interviene laddove il Servizio Sanitario Nazionale non è in grado di arrivare. Nello Statuto Associativo FANEP potrai leggere dettagliatamente quali sono i nostri impegni e i valori in cui crediamo, per promuovere ogni tipo di iniziativa atta a migliorare l’assistenza e la cura dei pazienti in età evolutiva affetti da malattie neurologiche e/o neuropsichiche

I modi per Aiutarci sono diversi e molto semplici, Destinare il 5X1000, Diventare Socio, Acquistare i Gadget Solidali, Adottare un Progetto, Diventare un Volontario o Fare un’offerta Libera.

I nostri Contatti sono:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 17.00
Tel.: 051/346744 –  Fax: 051/304839.  Puoi anche Scriverci a info@fanep.org

Dove Siamo: Ufficio al piano terra – accanto agli ambulatori di Neuropsichiatria

Perchè FANEP
  • Fondata da un Grande Medico, Dottore E. Franzoni
  • I Valori che ci Sostengono sono Forti
  • Diamo Aiuto Vero e Concreto
  • Offriamo Sostegno Indispensabile
  • Le nostre attività sono sempre Chiare e Trasparenti
Dicono di noi

Siete sicuramente la cosa più bella e importate di tutto questo “viaggio” che stiamo facendo da anni e le vostre parole, la vostra disponibilità ci hanno fatto capire che non bisogna mai arrendersi ma lottare fino in fondo….

Mamma e Francesco , Genitori e Figli

La compartecipazione dei genitori verso progetti  oltre ad instaurare occasioni di conoscenza e coinvolgimento serve ad aiutare quelli che ancora si dibattono nell’angoscia di dubbi ed interrogativi…questo è Fanep e molto di più

Luca Del Gobbo - Papà , Vice Presidente Fanep

Nei corridoi al secondo piano del Padiglione 13 del Sant’Orsola non c’è archeologia medica, ma spessore culturale e preparazione scientifica al servizio dei piccoli malati e a sostegno delle loro famiglie e accanto a loro giovani e meno giovani pronti ad aiutare…

Laura Taxis , Volontaria Fanep